Guida Viaggi

Guida Viaggi Turks and Caicos

Guida Viaggi Turks and Caicos

Turks e Caicos è un gruppo di quaranta tra isole, isolotti e scogli, alcuni dei quali completamente  disabitati che si trova di fronte a Cuba ed Haiti.

La prima risorsa economica del Paese caraibico è il turismo e basta trascorrere un periodo anche breve di vacanza per rendersi conto del motivo: qui regnano un mare limpido e cristallino tra i più belli del mondo, con acqua molto bassa a riva ideale per i più piccoli, e spiagge di sabbia bianca.

Inoltre Turks e Caicos è diventata famosa negli ultimi anni come vero e proprio paradiso dei sub. Il mare al largo sprofonda raggiungendo i sette mila piedi di profondità e qui ci si può immergere ed ammirare un panorama unico e spettacolare. Grazie ad una grande barriera corallina lunga decine di chilometri infatti, i fondali sono inimmaginabili e mostrano agli occhi di chi li osserva delle bellezze incredibili: da una parte delfini, tartarughe giganti, mante, polipi, murene, dall’altra una vegetazione ricca e lussureggiante. I divers non possono chiedere di meglio.

Ma questo non è l’unico sport acquatico che si può fare durante un viaggio a Turks. Le isole infatti sono diventate meta degli amanti di whalewatching e birdwatching. Tra i mesi di gennaio ed aprile soprattutto nelle acque di Grand Turk e Salt Cay, due isole che si trovano nella parte meridionale dell’arcipelago, migrano migliaia di balene ed assistere alle loro nuotate è uno spettacolo indimenticabile.

Per quanto riguarda gli uccelli sono ben 170 le specie catalogate nelle isole tra cui non è raro osservare pellicani e fenicotteri rosa.

Le spiagge sono davvero incantevoli: colorate di verde dalle palme che si trovano sulla sabbia, sono lunghe e profonde. Quelle meglio organizzate ed attrezzate si trovano nelle due isole a maggiore vocazione turistica,  Grand Turk e Providenciales.

Ma da vedere sono anche le spiagge di West, North, Middle e South Caicos. Molto suggestive sono quelle meno frequentate: Dellis, Pine e Little Water Cay. Nei pressi di quest’ultima vive una comunità piuttosto numerosa di iguana!

Proprio a Grand Turk c’è il centro politico ed amministrativo di Turks e Caicos: Cockburn Town. E’ la tipica città caraibica: poche strade, affollate di turisti ed attraversate da muli che calpestano la sabbia. Sul lungomare vi sono le principali attrazioni tra cui è da vedere la Posta Centrale che espone una meravigliosa collezione di francobolli. Nei pressi del litorale si trovano ristoranti, bar e locali dove trascorrere le serate gustando gli ottimi piatti di pesce fresco accompagnati da riso e fagioli. Da bere birra e il gustoso rum della vicina Cuba.

L’arcipelago è caratterizzato da molti villaggi e piccoli centri. Qui la popolazione locale vive in villette e baracche in legno circondate da tanto verde. Proprio la natura che si trova poco lontano dal mare nasconde bellezze seducenti: riserve lacustri si alternano a piccole foreste abitate da numerose specie di volatili e piante tropicali. E’ facile anche imbattersi nelle saline, la maggior parte delle quali in disuso, che costituivano la prima fonte di reddito fino ad un paio di decenni fa nonché la principale occupazione degli abitanti locali.

Una delle Isole ha avuto un notevole impulso turistico e rappresenta il fiore all’occhiello dell’arcipelago per accoglienza ed ospitalità: Providenciales.

Provo, come viene confidenzialmente chiamata, ha il maggior numero di villaggi turistici, resort e hotel di Turks e Caicos. Se ciò ne ha fatto perdere le caratteristiche “selvagge” e “caraibiche” tipiche di altre località, l’Isola ha tuttavia mantenuto le bellezze dell’arcipelago: siti di immersione, spiagge di sabbia bianca e mare straordinario.

Altra unicità di questo gruppo di isole è il clima. Se il periodo migliore per trascorrevi una vacanza è quello da ottobre a maggio, le temperature che vanno mediamente dai 18 ai 33 gradi consentono di visitarla praticamente tutto l’anno.

Turks e Caicos è un paradiso che la pena vedere per lo meno una volta nella vita. L’arcipelago ha 2 aeroporti internazionali e dall’Italia vi sono voli verso quello di Providenciales che partono da Roma, Milano, Bologna e Torino.

Ultimi articoli che hai visto

Guida Viaggi Caraibi

Tanzania: tra mare, safari e cultura

Uganda Railway – Kenya

Saona – Santo Domingo

Samana – Repubblica Domenicana

LEAVE A COMMENT